Segno della Bilancia, stralcio dal “Trattato pratico di Astrologia”

SEGNO DELLA BILANCIA  –  STRALCIO DAL “TRATTATO PRATICO DI ASTROLOGIA”

costellazione-della-bilancia Dal 180° al 210°: Bilancia. Simbolo grafico:

Periodo: dal 24 settembre al 23 ottobre circa.

Segno d’Aria, cardinale, maschile, diurno.

Domicilio: Venere Esaltazione: Saturno

Esilio: Marte, Plutone Caduta: Sole

 

 

 

 

 

Mitologia. Gli antichi consideravano la Bilancia un’estensione del vicino Scorpius e la chiamavano “Chele dello Scorpione”. Furono i romani, all’epoca di Giulio Cesare, a considerarla una costellazione a sé. Da allora, la Bilancia fu considerata il simbolo della giustizia, e raffigurata da una bilancia tenuta in mano dalla Dea della Giustizia, Astrea. Questa -figlia di Temi, dea della Legge, e di Zeus- all’Età dell’oro diffondeva tra gli uomini sentimenti di virtù e di giustizia. In seguito, la malvagità s’impadronì del mondo, e Astrea si rifugiò in cielo, dove divenne la costellazione della Vergine.

È il secondo Segno del ternario dei Segni d’Aria, preceduto dai Gemelli e seguito dall’Acquario. Influenza il campo dell’emotività, dell’amore, dell’arte e della femminilità. Indica anzi la femminilità nella massima espansione di tutti i suoi attributi, sempre però col contrassegno del piacere, del buongusto e dell’eleganza, e ciò in quanto è il domicilio diurno del pianeta Venere, dea della bellezza e dell’amore. Sensibilità e ricettività, e, pertanto, successo nelle arti venusiane: danza, musica, teatro, et c. Ma solo l’amore influenza e condiziona tutta la vita dei nativi del Segno, i quali, senza la stimolante presenza di questa forza che “muove il sole e le altre stelle” appassiscono come un fiore senza luce. Orrore della solitudine e necessità costante di compagnia, ma sempre su uno sfondo di sentimentalità. Il che importa frequenza di legami affettivi ai quali ci si lascia andare con eccessiva facilità, incorrendo in delusioni e connesse sofferenze.

I piattelli della Bilancia significano anche l’amore della giustizia, dell’equità, in una parola, dell’armonia intesa nel suo più ampio significato, e così anche l’accettazione del compromesso, pur di evi-tare il conflitto e le relative noie ed ottenere il quieto vivere dove l’ossessionante bisogno di piacere si possa svolgere senza ostacoli di sorta.

Queste belle qualità di equilibrio, di dolcezza, di charme, di sensibilità per tutto ciò che è bello, delicato, elevato, nobile, con riguardo alla forma ancor più che alla sostanza, sono purtroppo controbilanciate dal fatto che nella Bilancia il Sole si trova in caduta. Ciò comporta personalità troppo passivamente ricettiva ed esposta agli abili e spesso ingannevoli allettamenti e lusinghe di chi la sa loro raccontar soave. I nativi del Segno non dispongono in genere di una personalità e di una volontà forti da opporre alla forza suadente di un buon parlatore e, inoltre, giudicano e decidono troppo spesso secon-do un’impulsiva e fallace impressione di simpatia e di antipatia, e sempre secondo la prima impressione ponendo l’intuizione al posto della logica e infatuandosi senza ponderazione per poi facilmente bruciarsi.

Nella donna poi queste caratteristiche sono ancor più accentuate per l’incontenibile desiderio di incantare l’uomo con il proprio fascino, anche se poi, dopo la propria dedizione la donna si rivela molto plasmabile da parte del partner. Il suo debole è che è troppo influenzabile dalle esteriorità, e soprattutto troppo facile a commuo-versi, pertanto presta bendisposto orecchio all’uomo che sa lusingare la sua vanità e creare l’adeguata atmosfera posando da adoratore che, sempre deluso, ha finalmente trovato in lei il suo ideale. In queste circostanze la fragilità e la vanità della Bilancia trovano l’ambiente propizio al proprio sempre sospirato abbandono. Tutto ciò con l’ovvia conseguenza che, salvo s’intende la ricorrenza di aspetti planetari fortemente neutralizzanti, la fedeltà non è proprio la virtù caratteristica della Bilancia.

Vi si riscontrano due tipi: il tipo estroverso, leggero e sensuale pieno di slancio comunicativo e di generoso trasporto verso gli altri, e che passa con disinvoltura da un letto all’altro; e il tipo introverso, meno dispersivo, cauto e pauroso delle delusioni, più ponderato nelle scelte, e che ha come massima aspirazione raramente realizzata, quella di concentrare il proprio affetto su un solo partner. Si può allora dire di trovarsi davanti ad un partner ideale.

A causa dell’esaltazione di Saturno e dell’esilio di Marte, nella Bilancia, l’ipersensibilità vanesia del suo nativo può, se gravemente offesa, esplodere in manifestazioni di inconsueta violenza.

Regge i reni, le ghiandole surrenali, l’apparato urinario, gli organi genitali interni, la regione lombare, e le malattie relative, particolar-mente quelle causate da insufficienza renale quali: uremia, nefrite, calcolosi, albuminosi. Irritazioni alla vescica.

Sotto il profilo professionale –grazie all’innato senso estetico e creativo, alla diplomazia e all’accattivante simpatia che sa conqui-starsi- al tipo Bilancia si addice: la carriera politica e militare, l’avvocatura, la magistratura e tutte quelle occupazioni che hanno qualche rapporto con la giustizia. Inoltre, le attività relative all’arte, alla moda, all’estetica, allo spettacolo: musicista, ballerino, cantante, indossatore, estetista, stilista. Produttore e commerciante di articoli di lusso. Per acume intellettivo si addicono anche attività inerenti l’editoria, il giornalismo, la critica artistica e letteraria.

COLOMBA

 

 

 

 

Gli animali associati alla Bilancia sono quelli sacri a Venere: la colomba, la tortora, simbolo di amore e di fedeltà tra gli esseri umani, il passero, il delfino e tutti gli animali affettuosi e dai colori tenui.

 

giada

 

 

Le pietre più congeniali al Segno sono: la giada, che si adatta al 4°, 5° e 6° chakra, smuove le paure represse, conferisce calma e ha influssi benefici sui reni. Il crisoprasio –collegato al 4° chakra- conferisce chiarezza mentale e trasmette influssi positivi nei casi di patologie che coinvolgono gli organi sessuali. Il calcedonio –collegato al 5° chakra- equilibra le emozioni ed è utilizzata nelle disfunzioni tiroidee e nei problemi della menopausa. Altre pietre: il quarzo rosa, la pietra di luna, la corniola.

 

 

I suoi colori: rosa, corallo chiaro e anche il rubino chiaro.

Il suo metallo, il rame.

Il suo giorno, il venerdì.

È in consonanza astrologica, secondo l’astrologo Tucker, con la frequenza vibratoria della nota musicale Sol bemolle.

Corrisponde alla settima Casa. Il suo motto chiave è: “Io relaziono”.

This entry was posted by web-admin on domenica, maggio 12th, 2013 at 12:36 and is filed under LIBRI, Stralci dal "Trattato pratico di Astrologia". You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0 feed. Both comments and pings are currently closed.