Sotto il segno dello Scorpione

Lo Scorpione è il Segno più misterioso ed enigmatico di tutto lo Zodiaco: quello della disgregazione e della ricomposizione, della morte e della rinascita, del conflitto tra la materia con i bassi istinti e lo spirito anelante verso altezze sovrumane

images7KQE1TH6

 

Segno dello Scorpione

24 ottobre -22 novembre .
Segno d’Acqua, notturno, femminile, fecondo, fisso.
Domicilio (diurno): Plutone Esaltazione: Urano
Domicilio (notturno): Marte –  Caduta: Luna  –  Esilio: Venere

 

 

untitled

 

 

Mitologia. Il mito di Orione è attribuito al segno dello Scorpione. Orione, figlio di Euriale e di Poseidone, era un gigante, un invincibile cacciatore, bellissimo ed estremamente forte. Ereditò dal padre il potere di camminare sul mare.
Dalla personalità di Orione emerge una palese tendenza inconscia all’autodistruzione, simbolizzata dall’abuso di alcool che lo portava a compiere nefandezze dove sesso e violenza causavano sangue e dolore.
Tra le varie leggende su questa mitica figura, si racconta che fu ucciso da Artemide –dea della luce lunare- perché aveva tentato di usarle violenza. Per tale motivo la dea mandò contro di lui uno scorpione che gli punse il tallone. Per il servizio reso, lo scorpione fu trasformato in costellazione e Orione subì analoga sorte.

Lo Scorpione è il Segno più misterioso ed enigmatico di tutto lo Zodiaco: quello della disgregazione e della ricomposizione, della morte e della rinascita, del conflitto tra la materia con i bassi istinti e lo spirito anelante verso altezze sovrumane, ma anche del sacrificio e della espiazione purificatrice. Rappresenta gli inferi nel significato più ampio del termine, come ben denotato dal fatto che esso è il domicilio del tenebroso e sconvolgente Plutone, dio degli abissi materiali e psichici. Infatti, non solo rientrano nel suo dominio tutte le ricchezze mobilizzabili e utilizzabili che la terra contiene nel suo seno, come miniere, pozzi, abissi, spelonche, acque, tesori nascosti, ma anche le tenebre dell’anima, l’inconscio, e specificatamente tutto ciò che attiene alla libido, con una irresistibile attrazione verso le voragini univoche di un “cupio dissolvi”, esasperazione del connubio amore-morte. È pertanto per eccellenza, il campo della psicanalisi il cui oggetto, che è appunto i recessi della psiche, trova nello Scorpione, le cui caratteristiche precipue sono la sessualità e l’aggressività passionale, il più idoneo campo per le sue ricerche.
scorpione_gigante

 

 

L’animale del Segno dello Scorpione è, ovviamente, il suo omonimo ed è l’equivalente del flagello. Nel simbolismo megalitico è l’antitesi dell’ape il cui miele ristora l’uomo. Inoltre: gli avvoltoi. In Persia, i morti venivano esposti sulla cima di alte torri affinché gli avvoltoi li divorassero, e questo allo scopo di facilitarne la resurrezione. Altri animali: la vipera, e tutti gli animali velenosi e pericolosi.
ossidiana  images4M27N34H

 

Le pietre che più si addicono al Segno sono principalmente di colore rosso e nero. Il granato –abbinato al 1° chakra- stimola la volontà di ricerca e trasmette influssi energetici benefici nei casi di patologie del sangue e degli organi sessuali. L’ossidiana –abbinata al 1° chakra- scioglie i blocchi emozionali, aiuta a ritrovare equilibrio psichico, e ha un effetto benefico sulle infiammazioni virali. Il quarzo affumicato –collegato al 1° chakra- radica a terra e conferisce al soggetto il senso della realtà, fiducia e perseveranza, trasmette influssi benefici sugli organi genitali e sulle ghiandole surrenali. Altre pietre: il diaspro, l’ematite, l’opale nero.
I suoi colori: rosso scarlatto, rubino e ruggine.
Il suo metallo: il ferro.
Il suo giorno: il martedì.