Sotto il segno dell’Acquario

L'acquariano con marcata influenza di Urano è irriducibile e convinto che lo scopo della vita sia solo un continuo rinnovamento progressista e un superamento delle convenzioni

untitled

 

Segno dell’Acquario

21 gennaio – 20 febbraio circa.
Segno d’Aria, diurno, maschile, fisso.
Domicilio: Urano – Esaltazione e domicilio secondario: Saturno – Esilio: Sole

 

 

 

 

untitled1

 

 

    Mitologia.  Il mito di Ganimede è attribuito al segno dell’Acquario.
Ganimede, figlio del re di Troia, Troo e di Calliroe, era un giovinetto di rara bellezza tanto da essere considerato “il più bello dei mortali”.
Si racconta che Zeus lo fece rapire da un’aquila, animale a lui sacro, o, addirittura, assunse egli stesso le sembianze di un’aquila.
Indi, fu portato sull’Olimpo, dove divenne il coppiere degli dei e proprio lui versava il nettare nella coppa del divino Zeus.
L’aquila, quale simbolo del rapimento di Ganimede, divenne una costellazione che si trova tra il 12° del Capricorno e il 15° dell’Acquario.

 

L’acquariano è dotato di un accentuato senso estetico che lo porta a saper apprezzare le belle arti specie se di avanguardia, la musica purché sia ricca di accattivante melodia, in particolare quella trasognata riecheggiante le armonie celesti. Ma il campo in cui eccelle la sua notevole intelligenza scientifica e analitica è quello dell’elettricità, dell’elettronica, della tecnica nucleare, di quello che sa di aria, di alta meccanica scientifica, quello relativo all’energia cosmica in genere: telefono, radio, televisione, computer, satelliti, razzi interplanetari. Anche quando fa lo scrittore l’acquariano ben difficilmente si allontana dal campo a lui connaturale e si ritrova nel suo spaziando egregiamente nella fantascienza.
Il tipo Acquario presenta due sottotipi, a seconda che nel Segno prevalga l’influenza di uno o dell’altro dei due Signori del Segno stesso: il vecchio e cupo Saturno o il più recentemente scoperto, esplosivo e rivoluzionario Urano. Il primo sottotipo influenzato da Saturno rende più prudenti e sublimati e importa una tendenza verso la riconciliazione universale e la solidarietà sociale con una visione più lungimirante e stabile, e anche se sta molto in alto rispetto alla realtà, è capace di visioni profondamente anticipatrici. Il secondo sottotipo, con prevalente influenza di Urano, presenta un’indipendenza ribelle e innovatrice più brusca. Vive nella tensione di rovesciare la tradizione, di spingersi senza limiti equilibratori verso ogni estremismo. È irriducibile e convinto che lo scopo della vita sia solo un continuo rinnovamento progressista e un superamento delle convenzioni.  Come al solito, il tipo misto è più frequente.
imagesJU1DRETI

 

 

Gli animali associati al Segno sono gli uccelli, principalmente quelli veloci e che vivono in ambienti naturali e incontaminati. Inoltre: la farfalla che, col suo processo di metamorfosi, richiama il motto chiave “Io trasfiguro”.
imagesR6N8SEBN Le pietre che più si abbinano al Segno sono di colore verde azzurrognolo e violaceo. L’amazzonite –collegata al chakra del cuore- ha influssi energetici positivi sulle cellule del cervello e sui nervi, e viene utilizzata nei casi di esaurimento e di mancanza di perseveranza. Il cristallo di rocca –collegato con i tre chakra superiori- ha influssi benefici sulle ghiandole pineale e pituitaria, ed è utilizzato nei casi di mancanza di chiarezza mentale, cattiva circolazione sanguigna, cali di energia vitale, problemi alla spina dorsale, difficoltà di meditazione. Il lapislazzuli –collegato al 6° chakra- favorisce la creatività, la chiaroveggenza, equilibra le emozioni, rafforza la volontà, attiva l’intelletto ed è benefica nei casi di infiammazione dei nervi, nell’isterismo, nei problemi causati da un’alterata pressione sanguigna. Altre pietre: l’azzurrite, il granato almandino, il topazio blu.
I suoi colori: il grigio nelle sue tonalità verde violaceo, azzurro, nonché il grigio marezzante.
Il suo metallo, l’uranio.
Il suo giorno, il sabato notte.